apertura uffici visto turistico
.

La nostra mission è quella di fare ottenere il visto per l'Italia a tutte le persone straniere che vengono invitate in Italia

vistoturistico
infoline
Registrati a vistoturistico.it, potrai compilare online il modulo per richiedere il visto per i cittadini stranieri che vogliono venire in Italia

Se sei gia registrato effettua il login
Username:
Password:



[Hai dimenticato la password clicca qui]


icoDopo aver completato i 3 passi sotto indicati sará possibile visualizzare la lista dei documenti necessari, il modulo di richiesta visto, e l'ufficio di competenza. La documentazione puo' essere presentata o presso la nostra sede oppure effettuare la richiesta online.
Se bisogno di assistenza o vuoi richiedere il visto telefonicamente contattaci al numero +39 02 67078247, il nostro personale qualificato ti indicherà quali sono i documenti utili per la richiesta del visto
step 1
PAESE DI DESTINAZIONE
ITALIA
step 2
NAZIONE DI RESIDENZA

step 2
MOTIVO DEL VIAGGIO

visto per cure mediche
visto turistico

- visto per cure mediche -

Il visto per cure mediche consente l’ingresso, al fine di un soggiorno di breve o lunga durata, ma sempre a tempo determinato, allo straniero che abbia necessità di sottoporsi a trattamenti medici presso Istituzioni sanitarie italiane, pubbliche o private accreditate. I requisiti e le condizioni per l’ottenimento del visto sono previsti dall’art. 40 del D.P.R. n. 334 del 18 ottobre 2004. E’ opportuno che sia la persona interessata, o chi ne fa le veci, a rivolgersi personalmente alla Sezione Visti della locale Ambasciata d’Italia o Ufficio Consolare al fine di acquisire gli elementi necessari e di presentare la formale richiesta.

1. formulario di richiesta di visto;

2. fotografia recente in formato tessera;

3. documento di viaggio in corso di validità con scadenza superiore di almeno tre mesi a quella del visto richiesto;

4. prenotazione di andata e ritorno o biglietto o dimostrazione della disponibilità di mezzi di trasporto personali;

5. documentazione medico-sanitaria comprendente:
a. documentazione medica rilasciata nel Paese di residenza che attesti la effettiva infermità
b. dichiarazione della struttura sanitaria italiana pubblica o privata (quest’ultima deve essere accreditata presso il Servizio Sanitario Nazionale) che indichi tipo di cura, data di inizio, durata e costo presumibile
c. attestazione della struttura sanitaria italiana che confermi l’avvenuto deposito di almeno il 30% del costo presumibile della prestazione richiesta, o, in alternativa, specifica delibera regionale o ancora specifica autorizzazione rilasciata dal Ministero della Salute nell'ambito di programmi umanitari

6. documentazione comprovante la disponibilità in Italia di risorse sufficienti per il pagamento del residuo delle spese sanitarie, di vitto e alloggio fuori della struttura sanitaria, e per il rimpatrio dell'assistito e dell'eventuale accompagnatore;

7. per eventuali accompagnatori dell’infermo, assicurazione sanitaria, avente una copertura minima di € 30.000, che copra le spese necessarie per il ricovero ospedaliero d'urgenza e le spese di rimpatrio.




VISTO PER “CURE MEDICHE” (V.S.U.  O V.N.)

Il visto per cure mediche consente l’ingresso, al fine di un soggiorno di breve o lunga durata, ma sempre a tempo determinato, allo straniero che abbia necessità di sottoporsi a trattamenti medici presso istituzioni sanitarie italiane, pubbliche o private accreditate.

I requisiti e le condizioni per ‘ottenimento del visto sono previsti dall’articolo 36, comma 1 del Testo Unico e dall’articolo 44, comma 1 del Decreto del Presidente della Repubblica 394/1999.

Il visto viene altresì rilasciato, secondo le modalità previste dall’articolo 36, comma 1 del Presidente della Repubblica n. 394/199, nell’ambito ei Programmi umanitari di cui all’articolo 36, comma 2 del testo Unico.

Il visto per cure mediche potrà essere rilasciato anche all’eventuale accompagnatore che assista lo straniero infermo, in presenza di adeguati mezzi economici di sostentamento, non inferiori all’importo stabilito dal Ministero dell’Interno con la direttiva di cui all’articolo 4, comma 3 del testo Unico.
È obbligatorio l’accompagnatore qualora la persona che deve essere curata sia un minorenne.


I documenti necessari per ottenere tale autorizzazione sono:

1. la dichiarazione della struttura sanitaria italiana prescelta, che può essere sia pubblica sia privata (quest'ultima deve essere accreditata presso il Sevizio Sanitario Nazionale), la quale indichi il tipo di cura, la data di inizio, la durata e il costo presumibile dell'eventuale degenza prevista;

2. l'attestazione della struttura sanitaria italiana che confermi l'avvenuto deposito di almeno il 30% del costo presumibile della prestazione richiesta, o, in alternativa, la specifica delibera regionale oppure la specifica autorizzazione rilasciata dal Ministero della Salute nell'ambito di programmi umanitari;

3. la documentazione comprovante la disponibilità in Italia di risorse sufficienti per coprire sia le spese sanitarie che il vitto e alloggio fuori della struttura sanitaria, nonché quelle per il rimpatrio dell'assistito e dell'eventuale accompagnatore;

4. la certificazione medica attestante la patologia del richiedente, nel rispetto delle norme sulla privacy;

5. per i minori, l'assenso di entrambi i genitori o di chi esercita la potestà genitoriale.


La certificazione rilasciata all’estero dovrà essere debitamente tradotta in lingua italiana e legalizzata dall’ambasciata italiana del Paese d’origine o, se lo stato in oggetto ha aderito alla Convenzione dell’Aia del 1961, dovrà essere postillata presso il Paese di appartenenza.

Inoltre, gli eventuali accompagnatori dovranno disporre di un’assicurazione sanitaria, avente una copertura minima € 30.000, che copra le spese necessarie per il ricovero ospedaliero d’urgenza e le spese di rimpatrio e una fideiussione assicurativa o bancaria per la garanzia dei mezzi di sostentamento (ricordarsi di stipulare una fideiussione e assicurazione medica utile al visto per cittadini stranieri ).

Vale la pena di sottolineare che, secondo la Sentenza n. 4401/2008 del TAR del Lazio, l’Ambasciata (o il Consolato) non può rifiutare il visto per cure mediche in ragione del parere negativo del proprio medico, se questi si è limitato a leggere i documenti depositati dagli istanti senza visitare il paziente.


<< torna sopra - Torna su

 Riferimenti nel settore

APRI »